“Ogni volta che mangiamo stimoliamo dei geni.

“Perché io ingrasso mentre il mio amico, che mangia le stesse cose, resta magro? Può dipendere dal gene FTO”.

 

Il genoma vien mangiando Francesco Menegoni Paolo Gasparini per Report Rai 3

 

La trasmissione Report di RAI3 si è rivolta al team G&Life, per parlare di genetica e diete personalizzate al proprio DNA. All’interno del servizio “Il genoma vien mangiando”, andato in onda il 17 aprile 2016, abbiamo affrontato il tema della correlazione tra geni e alimentazione. 

Nel corso del programma, si è spiegato come ognuno di noi risponda diversamente all’ingestione di determinati cibi: al caffè, al sale, a una bistecca…  Perché ci sono persone che non dormono la notte se bevono un solo caffè ed altre che ne possono bere svariati al giorno senza alcuna conseguenza? Perché il loro genoma è diverso e influenza il metabolismo della caffeina.

I geni influenzano anche la scelta della dieta dimagrante più efficace: ad esempio, se il gene FTO è in forma non ottimale avrò bisogno di stimolare maggiormente la termogenesi per ottenere i risultati. Capire se il gene LCT mi predispone all’intolleranza al lattosio è utile per combattere, tra gli altri disturbi, il gonfiore addominale. E ancora, l’indagine del gene MTHFR fornisce informazioni preziose riguardo i processi infiammatori e anti-ossidanti e mi dirà se devo inserire più alimenti anti-radicali liberi. L’analisi di tutte queste informazioni genetiche, che impattano sulla scelta dell’alimentazione più adatta, è inclusa nella dieta personalizzata alla genetica GDiet.

Il metodo applicato da G&life è stato brevettato e testato in uno studio scientifico, mettendo a confronto i risultati ottenuti rispetto ad una dieta personalizzata “standard” su 200 persone per 2 anni. Il risultato è stato presentato al Congresso Internazionale di Genetica nel 2014 (European Society of Human Genetics, Pirastu et al., 2014).
L’approccio di g&life permette di:

– perdere più peso (fino al +33%);

– in minor tempo;

– agendo soprattutto sulla massa grassa.

Back to Top