Il gene lattasi

Origine

intestino

Azione

digerisce il lattosio

Dove

intestino

Descrizione scientifica

Il gene lattasi produce l’enzima che consente la digestione del lattosio, uno zucchero contenuto nel latte e nei suoi derivati.

Quantità elevate di questo enzima sono fisiologicamente presenti nei neonati e diminuiscono dopo lo svezzamento. Questa diminuzione è particolarmente marcata nelle persone geneticamente predisposte all’intolleranza al lattosio.

Questa condizione è determinata dalla presenza di una variante non ottimale del gene lattasi che non permette una produzione di enzima sufficiente per la digestione del lattosio. I soggetti con questa variante sviluppano intolleranza al lattosio e risultano positivi al breath test nel 95% dei casi.

La frequenza di questa variante cambia da popolazione a popolazione: in Italia è molto alta, anche se ci sono differenze da regione a regione (raggiungendo picchi dell’80%). Questo significa che, in media, più di 1 persona su 2 è predisposta all’intolleranza al lattosio.

gene lattasi intolleranza

 

 

In questi casi si parla di intolleranza al lattosio di tipo primario che è permanente e irreversibile. Questa si distingue dall’intolleranza al lattosio secondaria che è invece temporanea perché causata da fattori che alterano la mucosa intestinale (infiammazioni, allergie) e che una volta rimossi consentono una normale digestione del lattosio.

La sintomatologia dell’intolleranza al lattosio primaria non sempre è facilmente identificabile perché può comprendere sintomi non immediatamente riconducibili: tra questi ritenzione idrica, stitichezza, mal di testa e stanchezza. Per questo motivo una buona parte delle persone che hanno una variante del gene lattasi non ottimale, non è consapevole di essere intollerante al lattosio. (circa il 60% del totale).

Forma ottimale

  • predispone a una produzione di enzima lattasi sufficiente alla digestione del lattosio

Forma non ottimale

    • predispone a intolleranza al lattosio di tipo primario
Scoprire le proprie predisposizioni genetiche è molto utile per migliorare la propria consapevolezza e fare scelte alimentari migliori per il proprio organismo:

 Scopri l’Alimentazione Innovativa

Back to Top